AREAS OF EXPERTISE
ONGOING TRAINING
   
    We promote professional training as a decisive factor for economic development and social growth, using the tools provided by Fondimpresa, the Inter-Profession Fund for ongoing training of Confindustria and the Trade Unions.

   
  Maria Cristina Di Domizio 0039 06 5903855 didomizio@federalimentare.it
AREE OPERATIVE
FORMAZIONE CONTINUA
   
    Favoriamo la formazione professionale, come fattore di sviluppo decisivo e driver di crescita economica e sociale, avvalendoci degli strumenti forniti da Fondimpresa, il Fondo interprofessionale per la formazione continua di Confindustria, CGIL, CISL e UIL.

   
  Maria Cristina Di Domizio 06 5903855 didomizio@federalimentare.it
 

 

36 piani formativi nazionali finanziati e completati - 2.367 aziende coinvolte – quasi 20.000 lavoratori in formazione

Sono questi i numeri di 8 anni di impegno di FEDERALIMENTARE, FAI, FLAI e UILA nel campo della formazione

 

La formazione è un driver fondamentale per la competitività del settore e la valorizzazione del lavoro.

 

Federalimentare si è da sempre impegnata in prima linea sul fronte della formazione continua per gli addetti delle imprese del settore, utilizzando le opportunità di finanziamento previste sia a livello europeo che nazionale, avvalendosi in quest’ultimo caso degli strumenti forniti da Fondimpresa.

 

Fondimpresa è il Fondo interprofessionale per la formazione continua di Confindustria, Cgil, Cisl e Uil. È il più importante in Italia ed è aperto alle imprese di ogni settore e dimensione. Maggiori informazioni sono disponibili sul sito di Fondimpresa.

 

Fondimpresa finanzia la formazione secondo le esigenze di ogni singola azienda, veicolando buona parte dello 0,30% versato all’INPS in un conto personale (il Conto Formazione) da utilizzare per sviluppare piani personalizzati alle esigenze aziendali. La restante parte, con il Conto di Sistema - un conto collettivo pensato per sostenere le aziende aderenti di piccole dimensioni – viene utilizzata per finanziare attività formative per le aziende dello stesso territorio o settore.

 

La nostra attività ha avuto inizio con l’Avviso 1/2007 di Fondimpresa. I riscontri positivi delle aziende e dei lavoratori hanno determinato un sempre crescente impegno di Federalimentare e delle OO.SS. di categoria per la definizione di intese settoriali in materia di formazione continua, finalizzate a favorire la competitività delle imprese e la valorizzazione delle risorse umane.

 

Nel 2009, aumentando il numero degli Enti interessati a presentare progetti di formazione nell’agroalimentare, si è deciso di monitorare periodicamente l’esecuzione dei piani formativi realizzati a valere sugli Avvisi di Fondimpresa o su altri bandi nazionali ed europei. In particolare, nel 2010 è stato firmato un protocollo di intesa tra Federalimentare, le Associazioni e le OO.SS. di categoria per la costituzione di un Comitato Tecnico Permanente a carattere paritetico. Il Comitato si è dotato di specifiche linee guida http://www.federalimentare.it/new2016/AreeOperative/FormazioneContinua/Linee_Guida_CTP_2017.pdf volte a garantire il raggiungimento di standard metodologici e organizzativi, in coerenza con l’evoluzione normativa, le peculiarità di settore e le caratteristiche del target di utenza.

 

La sequenza dei piani formativi agroalimentari cofinanziati da Fondimpresa - ventidue fino al marzo 2016, con il coinvolgimento di 1.617 aziende e oltre 15.896 lavoratori - ha progressivamente stimolato la domanda di formazione, rispondendo ad esigenze di base, e consolidato il servizio di supporto alle aziende, dando continuità all’offerta formativa, elevando il livello della formazione proposta e sollecitando l’emersione di opportunità formative strategiche.

 

Con l’Avviso 5/2015 si sono aggiunti 14 nuovi Piani formativi rivolti a 750 aziende e 4.032 lavoratori in sedici Regioni. Una spesa complessiva di 6,5 milioni di euro finanziata per il 70% da Fondimpresa e che le singole aziende hanno integrato con risorse proprie.

 

Ogni anno Federalimentare, Fai, Flai e Uila organizzano, assieme agli Enti formativi, un Convegno sulla formazione continua, per condividere con Fondimpresa e con gli Stakeholders interessati i risultati dei progetti settoriali conclusi e approfondire temi di rilevanza strategica (innovazione di prodotto e processo, nuove competenze professionali, ecc…).

 

Di seguito i nostri appuntamenti annuali: Eataly (Roma, marzo 2013), Eataly (Torino, giugno 2014), Eccellenze Campane (Napoli, gennaio 2015), Unindustria Bologna (Bologna, 22 marzo 2016), Centro Congressi Cavour (Roma, 12 maggio 2017)

 

 


 

Formazione e competenze per l'industria 4.0 nell'agroalimentare

 

Centro Congressi Cavour (Roma, 12 maggio 2017)

 

 

 

 

 

Leggi l'articolo "L'Industria alimentare investe nella formazione per le nuove figure" pubblicato su "Il sole 24 ore - Agrisole" del 19 maggio 2017.

 

 

 

 

 

 

L'indagine di follow-up (aziende - allievi - dialogo sociale)

Scenario Economico del settore Agroalimentare

 

 

 

 

Gli interventi di Annalisa Magone

 

L'uomo 4.0: la tecnologia e il lavoro che cambia - Sky Economy - Webinar Industria 4.0 - Avogadro 4.0

Il Mulino - Formiche - Superquark

 

 

Sintesi dell'intervento conclusivo del Presidente

di FONDIMPRESA Bruno Scuotto

 


 

 

Avviso 5/2015 Competitività di Fondimpresa

I Piani Formativi Agroalimentari

 

IFOA: alimentareInnovazione

CONSVIP: A.LIMENTA.T.E A.zioni

UNICASSINO: A.L.I.M.E.NT.A

CONSVIP: Vertigo

 

 

 

 


Il Fondo paritetico interprofessionale Fondimpresa è un’associazione costituita da Confindustria – CGIL, CISL, UIL per promuovere la formazione continua dei quadri, degli impiegati e degli operai nelle imprese aderenti.

 

Ai sensi dell’articolo 118 della legge 23 dicembre 2000, n. 388 e successive modificazioni, nonché dell’articolo 6, comma 2, lettera b), del Regolamento di Fondimpresa, con l’Avviso n. 4/2017 Fondimpresa finanzia, attraverso le risorse trasferite al Fondo dall’INPS, la realizzazione di Piani formativi condivisi tra le parti sociali riconducibili a Fondimpresa, rivolti alla formazione dei lavoratori delle aziende aderenti al Fondo, con priorità per i dipendenti delle PMI secondo la definizione comunitaria.

 

Al finanziamento di ciascun Piano concorrono, con le modalità indicate nel successivo articolo 9, le risorse del Conto Formazione delle aziende aderenti beneficiarie (art. 6, comma 2, lettera a, del Regolamento del Fondo), in relazione alle ore di partecipazione dei loro dipendenti alle azioni formative svolte.

 

Il finanziamento di Fondimpresa, erogato sotto forma di contributo, è finalizzato alla realizzazione di Piani formativi che coinvolgono una pluralità di imprese aderenti, anche di diverse categorie merceologiche, in territori regionali e sub-regionali all’interno delle Macro Aree indicate nell’articolo 9, di Piani formativi multi regionali di interesse settoriale o di reti e di filiere produttive, nonché di Piani ad iniziativa aziendale, anche a livello multi regionale.

 

I Piani formativi devono essere stati condivisi con accordi sottoscritti da rappresentanze delle parti sociali riconducibili ai soci di Fondimpresa, a livello aziendale, territoriale e/o di categoria, nel rispetto di quanto previsto nell’Avviso e nel “Protocollo d’Intesa - Criteri e modalità per la condivisione, tra le parti sociali, dei piani formativi” sottoscritto da Confindustria, CGIL, CISL e UIL il 25 giugno 2014, pubblicato nella home page del sito web www.fondimpresa.it.

   

LINEE GUIDA per la valutazione/selezione degli attori della formazione continua dell'Industria Alimentare - REV 2017

 

Le presenti Linee Guida intendono essere un documento operativo di sintesi ad uso del Comitato Tecnico Permanente, a carattere paritetico, istituito il 14 gennaio 2011, con sede e segreteria a Roma, presso gli uffici di Federalimentare, viale Pasteur, 10 - 00144 Roma.

 

L’ipotesi di base di lavoro è quella di costituire un Tavolo, con funzioni di istruttoria ed analisi, in grado di intervenire in funzione dello sviluppo e del miglioramento del modello formativo al fine di garantire il raggiungimento di standard metodologici e organizzativi in coerenza con l’evoluzione normativa, le specificità di settore e le caratteristiche del target di utenza.

 

In particolar modo il Comitato Tecnico Permanente svilupperà un modello di elaborazione e monitoraggio attraverso:

 

    i) analisi della letteratura/ documentazione/ aziende beneficiarie/ possibili partenariati esistenti;
    ii) incontri periodici di aggiornamento su possibili partenariati, aziende beneficiarie, bandi comunitari, nazionali e regionali in materia di formazione;
    iii) vaglio e filtro delle informazioni di cui al punto (ii) attraverso l’utilizzo dei parametri indicati nelle presenti linee guida, aggiornate ove necessario ed almeno ogni due anni;
    iv) monitoraggio e verifica delle attività realizzate in materia di formazione del personale e dei risultati in termini gestionali e di crescita professionale;
    v) aggiornamento periodico sui trend della formazione, le loro implicazioni di carattere sociale, tecnologico e metodologico ed i relativi impatti con il sistema formativo.

 

 

Usiamo i cookie per migliorare la tua esperienza nel nostro sito. Continuando la navigazione dichiari implicitamente di accettare il loro utilizzo.