Ricerca sul WEB
 
Home page Chi Siamo Associazioni Documenti Banche dati Comunicati Newsletter Formazione
   
 
 
 
 
 

 

Visualizza il Programma - Stampa l'invito - Registrati



WORKSHOP

Il recupero delle food losses e le best practices nell’industria agroalimentare:
il progetto europeo FOODWARD

CIBUS Parma, 11 Maggio 2016 - Sala del Consiglio

Visualizza l'agenda - Scarica l'invito

 

Chi siamo, chi rappresentiamo, i nostri compiti
 

Federalimentare è la Federazione aderente a Confindustria che, con le sue 15 Associazioni di categoria e 3 Soci Aggregati, rappresenta e tutela l’Industria alimentare in Italia, seconda industria manifatturiera del Paese dopo quella metalmeccanica. In Europa, Federalimentare aderisce alla fooddrinkeurope

Federalimentare è impegnata a:
• contribuire allo sviluppo della competitività dell’industria alimentare in Italia e nel mondo;
• sostenere la qualità e la sicurezza del prodotto alimentare industriale e consolidare una politica della qualità del prodotto alimentare italiano sempre più attenta all’evoluzione dei modelli di consumo e delle esigenze di garanzia e informazione del consumatore;
• promuovere una politica di sinergia e di efficienze dell’intera filiera agroalimentare (dall’agricoltura, ai trasporti, alla distribuzione tradizionale e moderna);
• rafforzare la proiezione internazionale delle imprese alimentari, sempre più necessaria allo sviluppo del settore che ha proprio nell’export le maggiori potenzialità di crescita;
• far conoscere l’industria alimentare italiana nelle sue caratteristiche economiche, nelle sue articolazioni e nella sua evoluzione produttiva e commerciale;
• garantire un’adeguata preparazione e applicazione degli accordi stipulati in sede UE e WTO, in modo da assicurare all’industria alimentare un quadro d’azione equilibrato e competitivo nel mondo;
• contribuire alla formazione di un quadro giuridico che assicuri alle imprese italiane condizioni analoghe a quelle in cui operano le imprese dei principali paesi concorrenti;
• favorire una politica ambientale integrata con i nuovi indirizzi dello sviluppo sostenibile, che consideri le specifiche priorità ed esigenze della trasformazione alimentare;
• rafforzare la capacità contrattuale dell’industria alimentare, con una gestione coordinata dei temi orizzontali delle Associazioni aderenti;
• sostenere politiche di promozione di un corretto stile di vita, inteso come binomio inscindibile tra un’alimentazione equilibrata e una sempre maggiore consuetudine al movimento;
• promuovere investimenti in innovazione tecnologica e ricerca per aumentare la capacità competitiva dell’industria alimentare italiana;
• sviluppare politiche di promozione delle esportazioni e la visibilità dell’intero sistema alimentare all’estero con l’organizzazione della manifestazioni fieristiche CIBUS, nelle sue più diverse articolazioni (CIBUS di Parma, CIBUS Roma, CIBUSTEC) e insieme ad Anuga all'estero.
• promuovere l’istituzione di organismi europei, come il consorzio SPES (Spread European Safety), per favorire la realizzazione di Progetti Integrati, strumenti previsti dalla Commissione Europea per restituire competitività alle imprese attraverso la mobilitazione di una massa critica di risorse e competenze in materia di ricerca e sviluppo tecnologico (tra i quali SMEs NET e TRUEFOOD, la Piattaforma Tecnologica FOOD FOR LIFE e il Cluster AGRIFOOD).

Numeri di base:
Alla fine del 2014 il fatturato complessivo del settore ha raggiunto i 132 miliardi di euro, con un’occupazione globale di 385.000 addetti distribuiti in 6.850 piccole, medie e grandi aziende. L’Industria alimentare italiana – che insieme ad agricoltura, indotto e distribuzione rappresenta la prima filiera economica del Paese – acquista e trasforma circa il 72% delle materie prime nazionali. Inoltre è ambasciatrice del made in Italy nel mondo, dal momento che il 78% dell’export alimentare è costituito da prodotti industriali di marca. L'export ha raggiunto complessivamente i 26.2 miliardi di euro mentre l'import si è fermato a 19.4 miliardi di euro con un saldo positivo della nostra bilancia commerciale di ben 6.8 miliardi di euro.

 
 
Cassa Rischio Vita