Comunicato di lunedì 1 ottobre 2018
 

Congiuntura 2018, Scordamaglia (Federalimentare): "L'industria alimentare a sostegno del Paese in un contesto complesso"

 

Comunicato Stampa

Roma, 1 ottobre - In un momento in cui le aspettative sul PIL del Paese non sono rosee e il contesto internazionale è appesantito dalle minacce di dazi e barriere tariffarie che rischiano di minare il nostro Made in Italy, il settore agroalimentare continua a tenere. “In questo quadro non semplice - sottolinea Luigi Scordamaglia, presidente di Federalimentare - la produzione alimentare negli ultimi mesi tiene meglio di quella industriale nel suo complesso". Con un -0,5% rispetto a un -1,3% sull’andamento generale, il settore si dimostra ancora una volta trainante.

A dimostrarlo, anche l’export che cresce un po’ meno del consuntivo 2017, ma che con un + 4,2% è comunque sopra la media dell’industria in generale che si attesta sui 3,8%. Inoltre, mentre lo scorso anno le importazioni dei nostri principali mercati di esportazione (USA, Cina etc) erano in aumento, oggi la crescita delle eccellenze alimentari italiane continua anche se questi mercati di sbocco rallentano vistosamente. Evidentemente la qualità premia anche durante la crisi. "Rimane - prosegue Scordamaglia - il fronte debole delle vendite interne, che seppur con un timido rialzo di + 0,2% a valore, comunque continuano a rappresentare l''aspetto più grave e deludente della congiuntura economica. In quest''ottica, bene ogni iniziativa che rafforzi il potere di acquisto degli italiani, riduca la pressione fiscale e faciliti l''inclusione di chi sta peggio".

"La filiera del food and beverage mostra perciò, oggi più che mai - conclude il presidente di Federalimentare - di essere un asse strategico che crea sviluppo e stabilità, tanto più prezioso in un contesto appannato e incerto come quello che caratterizza attualmente il contesto complessivo".