Comunicato Stampa di giovedì 1 dicembre 2016
 

Al via progetto Ue su eco-innovazione. Passo avanti nella sostenibilità per l’industria alimentare

 

Bologna, 1 dicembre 2016

Riduzione dell’impronta ambientale e innovazione in chiave green di tutta la filiera dell’agroindustria: questi gli obiettivi del progetto europeo PEFMED, coordinato dall’ENEA, che parte ufficialmente oggi.

Cofinanziato con circa 2 milioni di euro dalla Commissione europea nell’ambito del Programma MED di cooperazione transnazionale Interreg, PEFMED[1] è un progetto di eco-innovazione industriale per l’area del Mediterraneo, al quale partecipano il Ministero dell''Ambiente e altri sette partner provenienti da Spagna, Francia, Slovenia, Portogallo e Grecia.

“Con questo progetto contribuiremo a rendere il mercato dell’agroindustria europeo più green, innovativo e trasparente grazie ad una certificazione ambientale unica, che punta da una parte ad agevolare la commercializzazione di prodotti verdi in Europa e dall’altra ad aumentare la fiducia dei consumatori nelle dichiarazioni ambientali che li accompagnano”, commenta Caterina Rinaldi, ricercatrice ENEA e coordinatrice del progetto.

ENEA, l’Agenzia per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, lavorerà a stretto contatto con l’associazione di categoria di Confindustria Federalimentare, che coordinerà le attività delle 6 più importanti federazioni internazionali del settore agroindustria, gestendo le attività di comunicazione, trasferimento tecnologico alle aziende e sperimentazione sul campo, per ridurre l’impronta ecologica della filiera agroalimentare; solo in l’Italia il giro d’affari di questo comparto ammonta a oltre 130 miliardi di euro – l’8% del PIL nazionale – con circa 7 mila aziende impiegate nel settore.

“Si tratta di un progetto ambizioso che ci vede coinvolti in prima linea a fianco di altri importanti partner europei sotto la guida scientifica dell’ENEA", dice il Presidente di Federalimentare Luigi Scordamaglia e continua: "Oggi l''industria alimentare attraverso un’assunzione di responsabilità costante pone sempre più spesso la sostenibilità al centro delle proprie strategie: valorizzazione delle materie prime, riduzione dei consumi d''acqua (anche fino al 70% dagli anni ‘90 a oggi su una media europea del 40%), diminuzione dell''impatto energetico (-30% dei consumi in 20 anni), ottimizzazione del packaging, lotta agli sprechi sono solo alcune delle azioni messe in campo". E conclude il presidente: " Con queste premesse la Federazione non può che guardare con interesse a iniziative come queste che favoriscono processi di ‘greening’ e interventi sistemici mirati nella filiera agroalimentare unitamente alla diffusione sul mercato di modelli eco-innovativi”.

Il progetto PEFMED applicherà in via sperimentale la metodologia “Product Environmental Footprint” elaborata dalla Commissione europea, integrandola con indicatori di tipo territoriale e socio-economico, per misurare l’impatto ambientale (cambiamento climatico, riduzione dello strato di ozono, impoverimento delle risorse idriche, destinazione dei suoli, eco-tossicità) di un campione di circa 100 imprese localizzate in nove distretti territoriali europei. Per l’Italia sono state scelte le regioni Puglia e Lombardia. Il metodo prende in considerazione gli impatti di un prodotto durante tutto il suo ciclo di vita, a partire dalla coltivazione delle materie prime, passando per la lavorazione, il trasporto e l''uso, fino ad arrivare allo smaltimento e al riciclaggio.

Inoltre, dall’analisi degli stress test sarà possibile ottenere informazioni utili a classificare i prodotti agroalimentari con le performance ambientali migliori e a incentivare le imprese a innovare in chiave green i processi produttivi, nel pieno rispetto delle vocazioni agroalimentari dei singoli territori.


Per ulteriori informazioni:
www.interreg-med.eu
Caterina Rinaldi, ENEA - Dipartimento sostenibilità dei sistemi produttivi e territoriali, caterina.rinaldi@enea.it
Maurizio Notarfonso, FEDERALIMENTARE SERVIZI – Responsabile gestione progetti UE, notarfonso@federalimentare.it

[1] Uptake of the Product Environmental Footprint across the MED agrofood regional productive systems to enhance innovation and market value