Comunicato di sabato 7 novembre 2020
 

Etichettatura nutrizionale, Federalimentare: “Nessun compromesso possibile sul Nutriscore”

 

Il Presidente Vacondio: “Accettare Nutriscore significa delegare alla Francia le nostre linee guida sulla nutrizione”

“Con la presentazione ufficiale del decreto, oggi la Germania ha ufficialmente adottato il sistema di etichettatura fronte pacco francese Nutriscore.

Nel riaffermare la delusione dei produttori italiani per una scelta che appare affrettata e non particolarmente consona alle tradizioni alimentari tedesche, Federalimentare rileva che il decreto di attuazione varato dal governo di Berlino fa riferimento al Nutriscore secondo le linee previste dal possessore del Copyright, e cioè un’agenzia dipendente dal ministero della Salute francese.

Ciò significa che il ventilato tentativo di modificare l''algoritmo per adeguarlo alle linee guida nazionali è risultato legalmente impossibile”. Lo afferma in una nota stampa il presidente di Federalimentare, Ivano Vacondio. “Come rappresentanti dell''industria alimentare italiana - prosegue Vacondio - ribadiamo la nostra ferma opposizione al Nutriscore, sistema fuorviante e ingannevole che non favorisce la salute dei consumatori. Invitiamo inoltre i decisori politici italiani, anche alla luce di quanto accaduto in Germania, a respingere senza tentennamenti ogni ipotesi di compromesso tesa ad accettare il Nutriscore in cambio di fumose promesse di modifica dell''algoritmo, legalmente irrealizzabili e comunque non sufficienti a garantire il Made in Italy dalle conseguenze negative del sistema francese. Siamo certi - ha concluso il presidente di Federalimentare - che l''Italia non delegherà mai ad un ente straniero la facoltà di certificare la salubrità o l’insalubrità dei propri prodotti per mezzo di un algoritmo che non tiene neanche conto delle specificità di ogni popolazione in termini di abitudini alimentari e di linee guida nutrizionali nazionali”.