Comunicato di sabato 8 agosto 2020
 

Dl agosto, Federalimentare: Incentivo per la ristorazione è un buon segnale, ma è necessario fare di più

 

Comunicato Stampa

"I contributi a fondo perduto per acquistare i prodotti Made in Italy per la ristorazione rappresentano sicuramente una misura necessaria in questo momento e non possiamo che essere soddisfatti che il governo abbia capito l'importanza della strategicità del settore horeca" commenta così Ivano Vacondio, presidente di Federalimentare, il bonus proposto dal ministro Bellanova e inserito nel dl agosto approvato ieri sera, specificando che "con Made in Italy devono intendersi i prodotti lavorati dalle aziende italiane grazie al loro know how e alla loro esperienza nel produrre eccellenze".

"Notiamo tuttavia - continua Vacondio - che i finanziamenti a fondo perduto sono passati da 1 miliardo a 600 milioni: una vistosa diminuzione che crediamo dovrà essere sostenuta da altre norme in favore del settore appena sarà possibile" afferma il presidente, ribadendo quanto quello della ristorazione sia un settore strategico per i consumi interni del Paese e per tutta la filiera alimentare, dal produttore al consumatore.

Il fatturato dell'Horeca in Italia, infatti, è di circa 30,5 miliardi, di cui 18,5 legati alle spese alimentari del turismo nazionale e 12 a quello estero: il “fuori casa”, cioè, copre un terzo della torta dei consumi alimentari nazionali ed è stato l'unico segmento in salute sul mercato alimentare interno nell'ultimo decennio.

Un riferimento anche alla rivalutazione dei cespiti, misura inserita nel dl approvato e fortemente voluta da Federalimentare: "Una norma molto importante per le aziende, di cui avevamo sottolineato la necessità anche al presidente Conte durante gli Stati Generali" conclude Vacondio.