Ricerca sul WEB
 
Home page Chi Siamo Associazioni Documenti Banche dati Comunicati Newsletter Formazione  
  2013 »  
2012 » 2011 » 2010 »
2007 » 2008 » 2009 »
2006 » 2005 » 2004 »
2003 » 2002 » 2001 »
Ricerca
 
 
Comunicati Stampa
 

martedì 17 aprile 2012
FOOD TAX, DISTINZIONE INGIUSTIFICATA

Come le altre associazioni coinvolte (Aidepi, Aiipa, Assica, Assolatte, Assitol e Confida), su indicazione del Ministero della Salute, anche il settore delle bevande analcoliche (Assobibe e Mineracqua) ha fin dall’inizio condiviso specifici impegni volontari, tra i quali la riduzione di zucchero, l’aumento dell’offerta di prodotti a ridotto contenuto calorico, la rinuncia ai distributori automatici nelle scuole dell’obbligo, l’autodisciplina della comunicazione commerciale rivolta ai bambini, la promozione dell’attività fisica e l’etichettatura nutrizionale. Stupisce pertanto il differente approccio ipotizzato dal Ministero della Salute riguardo alla tassazione di questi prodotti alimentari. Tanto più che lo stesso protocollo, definito nel mese di dicembre 2011 dagli esperti del Ministero e dell’INRAN, evidenzia “come i soft drinks non incidono significativamente sull’apporto calorico dei ragazzi della fascia di età 3-10 anni, dove il loro l’impatto contribuisce a non più dello 0.6% del fabbisogno energetico”.



« Indietro